Reteiblea

Comiso, due fratelli in manette per droga

Aprile 06
13:062013

TORRECCNella serata di ieri, i Carabinieri della Stazione di Comiso, nel corso di un mirato servizio mirato al contrasto del traffico di sostanze stupefacenti ambito quella giurisdizione, hanno arrestato due fratelli: si tratta di Silvio Torre, catanese di Misterbianco cl. 92, operatore agricolo, incensurato, e di Fulvio Torre, catanese cl. 86, residente a Comiso, operaio, incensurato, poiché trovati in possesso di un involucro in cellophane contenente marijuana per un peso complessivo di1,27 kg. Nello specifico, gli operanti, dopo aver intercettato, in quella SP7 altezza distributore “Lukoil”, due autovetture Ford “Focus” entrambe di colore grigio, riuscivano dapprima a fermare il mezzo condotto dal Torre Silvio ove veniva rinvenuta, occultata sotto il sedile anteriore destro, la droga, ponendosi successivamente all’inseguimento della seconda autovettura condotta dal Torre Fulvio, verosimilmente con la funzione di “staffetta” e datasi alla fuga, la quale veniva raggiunta poco dopo in quella frazione di Pedalino. Gli stessi una volta bloccati e sottoposti a perquisizione, venivano condotti presso la caserma di Via Leonardo Sciascia, ove al termine delle formalità di rito veniva messi sottoposti agli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni a disposizione dell’autorità Giudiziaria iblea davanti la quale dovranno rispondere di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Inoltre, corso perquisizione personale gli arrestati venivano trovati in possesso di euro 170,00, ritenuta provento dell’attività illecita, motivo per il quale veniva sottoposta a sequestro. Infine, il Torre Silvio e’ altresì ritenuto responsabile di aver ceduto, nella serata di giovedì u.s., nr. 4 involucri della medesima sostanza stupefacente ad un 17enne di Comiso nei pressi di quell’ospedale “Regina Margherita” e dovrà quindi anche rispondere di spaccio di sostanza stupefacente aggravata dalla cessione a soggetto minorenne. La droga sequestrata verrà ora inviata presso il Laboratorio di Sanità Pubblica dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Ragusa al fine di stabilirne l’effettiva composizione nonché il numero di dosi ottenibili dalla sostanza sequestrata che avrebbe potuto fruttare dai 7.200 euro a circa 9.300 euro sul mercato della droga, in quanto attualmente 1 grammo di Marijuana può essere acquistato al prezzo variabile da 7 a 9 euro. L’operazione di ieri arriva precisamente dopo un a settimana da quella precedente, avvenuta la notte tra venerdì Santo e la vigilia di Pasqua, quando una pattuglia dell’Aliquota Radiomobile, in Via Cavalieri di Vittorio Veneto in Vittoria, avevano sottoposto a controllo un’autovettura Nissan Qashqai, con un a bordo un catanese ed un albanese, i quali venivano trovati in possesso di 1080 circa di marijuana, custodita all’interno di un involucro in cellophan e della somma di 3.440 euro, ritenuta provento dell’attività di spaccio nonché di un attrezzo metallico usato presumibilmente per sminuzzare la sostanza stupefacente.

About Author

Redazione

Redazione

Related Articles