Reteiblea

Tre tunisini in manette per droga

Aprile 04
10:472013

stupefacenteNel tardo pomeriggio di ieri tra Vittoria e Modica sono stati arrestati tre cittadini tunisini responsabili dei reati di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti presumibilmente del tipo eroina. Gli arrestati, tutti domiciliati in Vittoria con numerosi pregiudizi di Polizia per reati di droga sono Essoufi Mohesen, tunisino di 32 anni; Nafti Sefifeddine detto “GA” o “SPADA”, tunisino, di anni 22; Nfiti Wajdi , tunisino di anni 31. Il terzetto è stato sorpreso nel centro storico di Vittoria all’interno di una fatiscente abitazione che avevano adibito a centrale dello spaccio. Infatti, l’arresto è scaturito da una prolungata attività di osservazione e pedinamento che consentiva di accertare esattamente il luogo in cui era detenuto lo stupefacente ed in cui si recavano i tossicodipendenti che da tutta la provincia convergevano per l’acquisto. I poliziotti abilmente nascosti hanno potuto accertare uno scambio di stupefacente avvenuto sulla pubblica via tra uno degli arrestati ed un assuntore proveniente da Ragusa. Quest’ultimo dopo aver acquistato lo stupefacente veniva controllato dagli agenti e trovato in possesso di una dose di eroina che confermava di avere acquistato poco prima. A seguito di tale evidenza, circa l’effettiva cessione di stupefacente, il personale dei Commissariati di Modica e Vittoria decideva di fare irruzione all’interno di una casa sita in via Marsala in cui aveva fatto rientro il giovane pushersubito dopo la cessione. All’interno di detta abitazione venivano trovati tre cittadini tunisini, già attenzionati nell’ambito di pregresse attività d’indagine svolte dal Commissariato di Modica, e altre dosi di stupefacente per un totale complessivo di grammi 2.64, unitamente ad un bilancino elettronico e materiale per il confezionamento e la pesatura dello stupefacente. Parimenti, venivano trovati numerosi telefoni cellulari, utilizzati per mantenere i contatti con gli assuntori e la somma di 770 euro, in banconote di piccolo taglio, quale provento dello spaccio, atteso che gli arrestati risultano tutti nullafacenti. L’attenzione degli investigatori si era concentrata in quella zona già da diverse settimane, a seguito delle indagini che il Commissariato di Modica avviava nel mese di febbraio allorquando un giovane tossicodipendente modicano era stato ricoverato presso l’ospedale di quella città per overdose. Infatti le laboriose indagini avevano individuato in un cittadino tunisino, domiciliato a Vittoria, per l’appunto Essoufi Mohesen, lo spacciatore che aveva ceduto lo stupefacente cagionando alla giovane vittima l’overdose. Da quella data le attenzioni si erano focalizzate a Vittoria, luogo di presunta dimora, e Pozzallo, località in cui era avvenuto lo spaccio il 6 febbraio ed un ulteriore episodio in cui il ricercato durante un’operazione di Polizia finalizzata alla repressione dei reati in materia di stupefacenti -che portava all’arresto di un altro soggetto tunisino- riusciva a darsi alla fuga sottraendosi alla Polizia di Modica che tentava di bloccarlo. Tali acclarate responsabilità a carico di Essoufi Mohesen, inducevano la Procura della Repubblica di Modica a disporre nei suoi confronti un fermo, quale provvedimento restrittivo della libertà personale finalizzato a infrenare l’attività delittuosa posta in essere dallo stesso, cui veniva data esecuzione in data odierna. Gli agenti, per dare esecuzione al fermo, già da diversi giorni erano impegnati in un’attività di monitoraggio. In particolare, le indagini avevano permesso di accertare che l’extracomunitario nordafricano, dimorante a Vittoria, era impegnato in un lucroso giro di spaccio collaborato da altri connazionali, organizzati, per lo svolgimento di tale illecita attività, all’interno dell’abitazione in cui venivano sorpresi. Finalmente, ieri 3 aprile, le complesse attività di indagine e di osservazione dei luoghi in cui detti spacciatori si erano radicati, svolte sinergicamente dal personale della Polizia di Stato di Modica e Vittoria consentivano di interrompere lo spaccio arrestandoli in flagranza di reato di spaccio e dare esecuzione al citato fermo di indiziato di delitto disposto dalla Procura della Repubblica di Modica. Altresì, veniva data esecuzione all’O.C.C. in carcere disposta dalla medesima Procura per altri episodi di spaccio sul quale hanno indagato i Carabinieri di Modica, verificatisi il 13 febbraio. Gli odierni arrestati sono stati condotti presso la casa circondariale di Ragusa a disposizione delle autorità giudiziarie competenti.

About Author

Redazione

Redazione

Related Articles