Reteiblea

Pallamano: solo due gare al termine della serie B

Marzo 30
20:012013

crazyreusiaSolo due gare alla fine della stagione per l’ Handball Crazy Reusia, che dopo averlo fatto sperare durante il periodo precedente alla gara persa a tavolino con la conseguente penalizzazione, purtroppo non potrà prendere parte alla “Final four”. Il sette del presidente Tasca quindi, dopo l’ultima in casa al PalaColor di via Bellarmino (sabato 6 aprile), chiuderà col derby esterno contro l’Handball Club Scicli. Inevitabile un pizzico di delusione e di amarezza per la mancata qualificazione alla fase successiva, anche se il presidente Tasca sottolinea gli aspetti positivi da riconoscere alla “stagione della rinascita”. <Dopo quanto accaduto in passato – ricorda – era tutto molto difficile, anche visto il drammatico momento attraversato anche dallo sport. Senza finanziamenti abbiamo dovuto inventarci soluzioni nuove e fare miracoli per tirare avanti, ma la grande passione ci ha spinti a non abbatterci. Quindi, almeno per questa stagione, abbiamo rispettato l’impegno preso con la città, “prova generale” importante nell’ottica di auspicati “replay” futuri>. Moderata soddisfazione anche dal capitano Salvatore Girasa. <Credo che ormai – ammette – il discorso “Final four” sia chiuso, ma faremo di tutto per chiudere al meglio il campionato: a partire dalla trasferta di Caltanissetta contro una delle rivali più tradizionali. Quanto al derby a Scicli, loro sono più forti e di sicuro più motivati, ma il derby è una gara particolare…>. A pesare sul rendimento Reusia, oltre alle assenze, anche le troppe pause che hanno eccessivamente frazionato la stagione spezzando il ritmo. <Un problema – rivela il presidente Tasca – in gran parte dovuto alla crisi, che riduce le società costringendo il Comitato Federale a fare i salti mortali per mettere in piedi un campionato dignitoso. Ma lo sapevamo: la nostra stagione è stata decisa in negativo dalle penalizzazioni. Ne prendiamo atto senza piangerci addosso: adesso puntiamo soltanto a chiudere al meglio nei due incontri ancora da disputare>.

About Author

Gianni Papa

Gianni Papa

Related Articles