Reteiblea

Fine di un incubo: arrestato uno stalker ragusano

Fine di un incubo: arrestato uno stalker ragusano
Febbraio 23
10:36 2013

DSC_0027LArrestato dalla Squadra Mobile un “pluri-pregiudicato” ragusano responsabile di atti persecutori”, sequestro di persona, concorso in violenza sessuale, aggravata violenza privata  e concorso il lesioni personali aggravate nei confronti di una cinquantenne ragusana che lo aveva denunciato. Oggi il personale della 3^ sezione della Squadra Mobile ha dato esecuzione all’Ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un pregiudicato ragusano Savarino Vito, di anni 40, responsabile dei reati di cui agli artt. 612-bis, . (atti persecutori), 605 c.p. (sequestro di persona),81 e 609 bis (concorso formale in violenza sessuale), 610 (violenza privata) 81 cpv, 582, 585, 576 co.1 n.5 (concorso formale in lesioni personali aggravate) in danno di una cinquantenne ragusana con la quale in precedenza aveva mantenuto un breve rapporto sentimentale. Detta misura cautelare trae le sue origini dalle denunce e querele sporte dalla  malcapitata, vittima di una serie di azioni vessatorie inflitte dal suo persecutore consistite nell’averla sequestrata all’interno della sua abitazione al fine di usarle violenza sessuale, violenza privata, cagionandole lesioni personali aggravate. Inoltre dopo che la vittima era riuscita a liberarsi dalle grinfie del persecutore trovando serenità presso una casa famiglia sita in un comune limitrofo, peraltro individuata attraverso l’azione sinergica di questa Squadra Mobile con il competente Servizio Sociale del Comune capoluogo, il persecutore dopo ripetuti appostamenti posti in essere, contornati da insidiose telefonate e sms indesiderate , veniva intercettata dallo stesso, il quale riusciva ancora una volta portarla con se contro la volontà della malcapitata. Quest’ultima dopo essere stata ancora una volta vessata, approfittando della temporanea assenza del suo persecutore, riusciva a liberarsi ancora una volta e dopo essere entrata in perfetta empatia con il personale di questa Squadra Mobile, trovava la forza di denunciare tutte le vicissitudini delle quali era stata vittima.

Gli esiti investigativi forniti dalla «sezione specializzata» della Squadra Mobile sono stati posti a fondamento della misura cautelare in carcere emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Ragusa, Dr.Claudio MAGGIONI, su richiesta del P.M. Dr.ssa Monica MONEGO.

La vita della vittima era diventata particolarmente gravosa anche dopo essere stata costretta a trasferirsi di abitazione a causa delle nuove ed insistenti  molestie telefoniche, sms che era costretta a subire, dal suo persecutore nel tentativo di ottenere un approccio, rimanendo intere giornate all’interno della stessa temendo seriamente per la propria incolumità personale e dei proprio figlio convivente. Addirittura il persecutore, in modo sfrontato aveva esteso il suo raggio di azione anche ai familiari della vittima, come pure al luogo di lavoro del figlio della vittima attraverso continue telefonate tese ad ottenere un contatto con la vittima. Appare indubbio che le azioni poste in essere hanno fortemente provato principalmente la vita della vittima , ma anche quella dei suoi familiari. Ogni aspetto della vita della vittima è stato certamente influenzato negativamente da questa triste e squallida esperienza subita. Così come più volte evidenziato dagli operatori, non bisogna mai sottovalutare queste situazioni: occorre essere consapevoli che sono molto rischiose pertanto non esitare a rivolgersi alla Polizia di Stato: gli operatori sapranno consigliare la vittima e darle un aiuto professionale.

About Author

Redazione

Redazione

Related Articles