Reteiblea

Territorio punta su Cosentini e Carpentieri per le amministrative a Ragusa e Modica

febbraio 05
21:11 2013

Cosentini CarpentieriGiovanni Cosentini candidato di Territorio a Ragusa e Mommo Carpentieri candidato, all’interno di un progetto civico dove è coinvolto Territorio, per Modica. E’ quanto stabilito stasera nel corso della riunione del direttivo provinciale di Territorio Ragusa tenuto alla presenza del presidente provinciale Michele Sbezzi. Cosentini, che è anche il segretario provinciale di Territorio, è il primo candidato ufficiale per la città di Ragusa. Entrambe le candidature sono state proposte al direttivo provinciale dai rispettivi direttivi comunali che si sono riuniti nei giorni scorsi. E’ stato dato mandato al presidente provinciale Sbezzi e al componente del direttivo, Raffaele Schembari, di attivarsi altresì per una ricognizione tra tutti i circoli di Territorio dell’area iblea in modo da raccogliere una rosa di nomi per la candidatura per la presidenza della Provincia regionale di Ragusa. Per gli altri Comuni iblei chiamati al rinnovo, cioè Comiso e Acate, Territorio sta proseguendo il suo confronto a livello locale e presto renderà pubbliche le proprie scelte. “Sia su Ragusa che su Modica si tratta di due candidature importanti e significative perché sia Cosentini che Carpentieri hanno grande esperienza amministrativa e potranno governare nel migliore dei modi le due città – spiega Nello Dipasquale, segretario regionale di Territorio – Le loro candidature sono maturate all’interno dei rispettivi direttivi cittadini di Territorio e sono state poi presentate e accolte nel direttivo provinciale perché naturalmente l’idea del nostro movimento è sempre quello di partire dalla proposta che arriva dalla base. Non c’è la velleità di accentrare come accade altrove. Per Ragusa Cosentini è la scelta migliore. E’ stato un ottimo vicesindaco, sarà un ottimo sindaco. In fondo abbiamo amministrato in tandem la città e dunque conosce perfettamente sia la macchina amministrativa che le necessità future di Ragusa”.

About Author

Redazione

Redazione

Related Articles