Reteiblea

Soprintendente via. Per ora nisseno è meglio.

gennaio 25
15:25 2013

 ferrara alessandroAnche l’ing. Alessandro Ferrara, soprintendente di Ragusa va via. Insomma Ragusa può a ragione vantarsi di capoluogo più commissariato d’Italia. Infatti dopo la Provincia, l’Asi, la Camera di Commerco, l’Asp, il Comune, lo Iacp ora tocca anche alla soprintendenza. Noa sarà un vero e proprio commissariamento perchè in questo caso si tratta solo di un avvicendamento ma è chiaro che per qualche tempo anche questo importante ufficio regionale incaricato di delicati compiti di controllo sarà senza un vero responsabile. La notizia comunque è quella che vede, come dicevamo, l’ing. Ferrara è stato nominato dirigente generale dell’assessorato all’industria. Un ruolo di primaria importanza in una Sicilia che deve rivedere le sue posizioni nel sistema produttivo e dare il giusto spazio  alle rinnovate esigenze ambientalistiche. Ora si pone però il problema di chi sarà nominato Soprintendente a Ragusa. Anche qui il compito sarà molto delicato visto le questioni che si prospettano. Basti pensare al piano paesistico, al parco degli iblei e, non ultimo, il nuovo elettrodotto. L’ing. Ferrara aveva, secondo noi, trovato il giusto equilibrio tra le forze in campo. Da una parte le esigenze della imprenditoria e dall’altra le necessità del territorio e della difesa dello stesso.  Da anni il balletto dei nuovi incarichi passa sulla testa dei ragusani. Non tocca a noi dirlo ma sappiamo che ad esempio l’archeologo Distefano, molto conosciuto ed apprezzato in provincia, oltre a vantare una inoppugnabile conoscenza del territorio ha tutti i titoli e l’anzianità di servizio per aspirare all’incarico. Ma come sempre accade per Ragusa è meglio qualcuno che venga da fuori in modo da approvare ogni direttiva palermitana senza che possa avere remore di coscienza. Anche questa volta sarà così. L’assessore regionale al BBCC lo scienziato Zichichi è troppo “scienziato” per occuparsi di questo. A lui basterà che da Crocetta arrivi qualche suggerimento ed ecco fatto. Scusate infine se facciamo riferimento ad una  difficile valutazione campanilistica ma sembra che, per ora, tutto quello che gira intorno alla di Caltanissetta va avanti. Insomma si può dire: Nisseno è meglio e ragusano puah!

About Author

Direttore

Direttore

Related Articles