Reteiblea

Truffa alla catanese

Truffa alla catanese
gennaio 23
11:54 2013

collage cataneseNelle prime ore della giornata odierna, personale della Polizia Stradale di Ragusa, diretto dal Vice Questore Aggiunto Gaetano Di Mauro e del Compartimento di Catania, diretto dal dr. Andrea Spinello, ha tratto in arresto 10 catanesi, responsabili di aver costituito una associazione per delinquere, finalizzata alle truffe, alla fabbricazione di documenti falsi e sostituzione di persona, che operava tra Ragusa e Catania. Gli arresti sono stati disposti nell’Ordinanza di Custodia Cautelare emessa dal G.I.P. di Catania dr. Santino Mirabella, su richiesta dei PP.MM. dr. Vincenzo Serpotta, dr. Giuseppe Sturiale, D.ssa Laura Garufi della Procura della Repubblica di Catania. Dieci arresti e perquisizioni nei confronti di una organizzazione criminale, composta da catanesi, responsabile del reato di associazione per delinquere finalizzata alle truffe, fabbricazione di documenti falsi, sostituzione di persona. Truffe (per un importo complessivo di circa 360.000 euro) nei confronti di: Istituti bancari accesi finanziamenti (non restituiti) per 43.000,00; (2 agenzie del Credito Siciliano, Banca Popolare dell’Etna, B.N.L, 2 Agenzie della Banca Popolare di Lodi, Banca Sviluppo, Banca popolare del Mezzogiorno, Poste italiane); finanziarie accesi finanziamenti (non restituiti) per un importo di euro 58.000 (FGA Capital, Mercedes Financial Service, Daimler Chrysler servizi finanziari; Bmw financial service, Santander Consumer Bank S.P.A., Compass, Fiditalia S.P.A”, “Findomestic Banca S.P.A.”; concessionarie di auto e moto (di modelli BMW, MERCEDES, FIAT): acquistati (o tentato l’acquisto) in modo fraudolento dei seguenti mezzi: (1 moto BMW RT1200 – valore 18.000,00 euro- ; 2 JEEP WRANGLER UNLIMITED – valore complessivo 80.000,00 euro; 1 MERCEDES SLK 200 – valore 50.000,00 euro; JEEP WRANGLER 5 Porte SAHARA valore 33.000 euro; ed inoltre di 2 FIAT 500 ed 1 PANDA – valore complessivo 45.000. Transazioni fraudolente: 11 carte di credito straniere per un importo di 31.500 euro. L’indagine, condotta dalla Polizia Stradale di Ragusa, prende avvio nel settembre del 2011, dopo che alcuni componenti della banda, fingendosi piloti ed assistenti di volo di una compagnia aerea, presentando falsa documentazione, acquistavano presso una concessionaria ragusana una Jeep del valore di 43.000  (attivando un finanziamento di cui pagavano solo le prime rate) rivendendola dopo pochi giorni ad altra persona, a prezzi molto più bassi di quelli di mercato. Nei giorni successivi al primo acquisto, altri componenti dell’associazione, presentatisi come colleghi del primo acquirente, si presentavano presso la stessa concessionaria ragusana per comprare altre vetture (2 Jeep, 1 Freemont); detta attività illecita non veniva portata a conclusione per il blocco dei finanziamenti disposto a seguito delle indagini degli agenti. La Polizia Stradale di Ragusa, ipotizzando che si trattasse di una vera e propria organizzazione criminale, richiedeva alla Procura di Ragusa, D.ssa Monica Monego, un decreto di intercettazione telefonica che veniva effettuato per diversi mesi. Essendo subito emerso che i primi componenti erano catanesi e che il reato più vecchio era stato commesso a Catania, il fascicolo veniva trasmesso alla Procura di Catania, dove i PP MM sopra indicati, coordinando la successiva attività investigativa, avendo acquisito sufficienti elementi per la sussistenza di una associazione per delinquere, richiedevano al G.I.P. di Catania le misure cautelari. Le indagini, particolarmente complesse in quanto i componenti utilizzavano falsi documenti, false identità e, durante le intercettazioni,soprannomi, grazie ad investigazioni tradizionali (acquisizione documentale e pedinamenti) effettuati da personale della stradale ragusana nel territorio catanese e ragusano, consentivano di identificare tutti i componenti della associazione. Durante l’indagine è stato accertato che diversi erano i mezzi di lusso già acquistati e rivenduti a terzi (una moto Bmw, una Mercedes, 1 Jeep) ed altri stavano per essere acquistati (2 Jeep, 1 Freemont, 2 Fiat 500 ed 1 Panda), attività che non si è concretizzata per intervento degli agenti. Inoltre, uno degli arrestati aveva avviato un’attività commerciale a Catania ed attivato un conto corrente bancario, con falsi documenti, solo per ottenere un POS per poter poi utilizzare indebitamente 11 carte di credito, per un totale di 31.000 euro, di soggetti stranieri, che ne avevano subito il furto o smarrimento. L’attività illecita degli arrestati era la seguente: veniva individuato l’esercizio commerciale presso il quale sarebbe stato effettuato l’acquisto del veicolo, il cui prezzo veniva corrisposto parte in contante e la restante somma tramite finanziamento (in quanto la parte in contante avrebbe spinto la finanziaria ad accogliere la richiesta); uno dei componenti dell’organizzazione, che di fatto fungeva da prestanome, richiedeva il finanziamento utilizzando buste paga false, CUD o Modello unico falsi sui quali veniva indicato un importo sufficiente per trarre in inganno l’istituto finanziario che elargiva la citata somma; una volta formalizzato l’acquisto, il veicolo (trattandosi di finanziamento e non di leasing o vendita con riserva di proprietà) veniva intestato ad un membro dell’organizzazione il quale otteneva il rilascio della relativa documentazione. Talvolta venivano pagate le prime rate del finanziamento al fine di non destare, inizialmente, alcun sospetto; il veicolo veniva rivenduto a persone che ne avevano commissionato l’acquisto o a terzi nel giro di pochi giorni attese le condizioni (veicolo equivalente ad uno di nuova immatricolazione) ed il prezzo sensibilmente inferiore al valore di mercato. Il ricavato veniva poi suddiviso tra il componente della banda (che aveva prestato la propria presenza fisica ed i propri estremi anagrafici alterati leggermente o quelli di soggetti inesistenti utilizzando numeri di documenti rubati) e gli altri indagati. Tre degli arrestati, Bellavia Roberto Giuseppe nato a Catania il 27/03/1983 (precedenti penali) ; Biffi Giuseppe nato a Catania il 04/07/1969, (precedenti penali); Sanrangelo Giuseppe nato a Catania il 12.1.1948 (precedenti penali) sono stati condotti in carcere. Gli altri sette (Z. M. in atto irreperibile); M. S. G. nato a Catania il 24/06/1984, (precedenti per insolvenza fraudolenta); C. C. A. (in atto irreperibile); P. A. V. nato a Catania il 22/09/1987 (incensurato); P. C. nato a Catania il 12/10/1985, (incensurato); S. D. nato a Catania il 7.4.1988 (incensurato); N. M. S. nato a Catania il 20/02/1981 (precedenti per spaccio di sostanze stupefacenti, già sottoposto a DASPO) sono stati posti agli arresti domiciliari.

About Author

Redazione

Redazione

Related Articles