Reteiblea

Elezioni regionali: chi entrerà a Palazzo dei Normanni

Elezioni regionali: chi entrerà a Palazzo dei Normanni
ottobre 30
11:18 2012

divisioneseggiArs

Ecco la lista dei deputati regionali su base proporzionale.
Ad Agrigento scattano sette seggi. All’Ars entra per Cantiere Popolare Pid Salvatore Cascio con 5308 voti, per Grande Sud entra Michele Cimino che ne ha ottenuti 5991, nel Pdl Vincenzo Fontana (5.579 voti), per il Movimento Cinque Stelle Matteo Mangiacavallo  (2.997 voti), per l’Mpa Giovanni Di Mauro, 7.754 voti, per il Pd Giovanni Panepinto con 6235, per l’Udc Lillo Firretto, sindaco di Porto Empedocle, con 11.420.

Caltanisetta scattano 4 seggi. Per il Movimento Cinque Stelle sbanca Giancarlo Cancelleri con 5.593 voti, per l’Mpa Pino Federico, l’ex presidente della Provincia, con 4448 voti, per il Pd Giuseppe Arancio (5297 voti), per l’Udc Gianluca Miccichè (3437 voti).

A Catania scattano 17 seggi. Uno per Cantiere Popolare dove risulta vincente Valeria Sudano (6322 voti), nipote di Mimmo Sudano, storico esponente democristiano del capoluogo etneo. Tre seggi per il Pdl che premia Salvo Pogliese con 11.931 voti, seguito da Nino D’Asaro (8634 voti) e da Marco Falcone (8417 voti). Tre deputati del Movimento Cinque stelle: Giancarlo Cancelleri (9.799 voti), Angela Foti (5506) e Francesco Cappello (2531). Un seggio per Crocetta presidente: il più votato è Gianfranco Vullo con 2191 voti.   Nello Musumeci prenderà un seggio come secondo candidato presidente e cederà il suo posto a Gino Ioppolo, che ha ottenuto 3531 voti. Tre seggi per il partito dei Siciliani che porta all’Ars il capogruppo uscente dell’Mpa, Nicola D’Agostino (13.601 voti), seguito dal figlio dell’ex governatore, Toti Lombardo (9633) e Dino Fiorenza (6221)Due seggi per il Pd: Concetta Raia, con 9736 voti e secondo Anthony Barabagallo (9694)Tre deputati per l’Udc: Luca Sammartino con 12.567 voti, Lino Leanza (10858) – che molto probabilmente rinuncerà perchè eletto nel listino dando spazio a Marco Forzese (8258 voti) – e Pippo Nicotra con 5385 voti.

Ad Enna scattano tre seggi. Per Grande Sud entra all’Ars Annunziata Lantieri  (3485 voti), Movimento Cinque Stelle Antonio Venturino (2763), per il Pd Mario Alloro, segreterio provinciale di Enna, uomo di Wladimiro Crisafulli, con 5878 voti. 

A Messina scattano undici seggi. Per Grande Sud Bernadette Grasso, sindaco di Rocca di Caprileone, che ha ottenuto 4645 voti;  due per il Pdl Santi Formica (9850 voti) e Nino Germanà che ne ha ottenuti 8502. Resta fuori l’ex sindaco di Messina Giuseppe Buzzanca con 7776 voti; il Movimento Cinque Stelle premia il candidato della provincia di Messina Valentina Zafarana (2232 voti). Un seggio per la lista Crocetta, Marcello Greco con 3029 voti; per Nello Musumeci presidente viene eletto Carmelo Currenti (3467), che ha appena abbandonato Fli riuscendo a superare nella sfida personale con il padrino politico, Carmelo Briguglio, il quale invece resta fuori dall’Ars. Per il partito dei Siciliani entra all’Ars Giuseppe Picciolo (8389 voti), che ha lasciato il Pd per schierarsi con il partito di Pistorio. Tre seggi per il Pd: Franco Rinaldi (il più votato con 18.664 voti di preferenza), l’ex sindaco di Brolo Giuseppe Laccoto (8993 voti) e l’ex segretario della Cgil Filippo Panarello (5182). Un seggio all’Udc con Giovanni Ardizzone, che totalizza 8010 voti.

A Palermo scattano 20 seggiDue seggi al Cantiere Popolare che consentono a Toto Cordaro, con 9259 preferenze, di tornare all’Ars e Roberto Clemente che con 7267 voti supera di 137 voti Marianna Caronia, esclusa dall’assemblea. Due seggi scattano per Miccichè. Entrano all’Ars Riccardo Savona, con 8009 voti, ed Edy Tamajo (5107). Tre seggi per il Pdl: Francesco Cascio, presidente dell’Ars, è il primo degli eletti con 12.395 voti, poi Francesco Scoma (8559) e Salvino Caputo (5730)Ben quattro poltrone dell’Ars al Movimento Cinque StelleIl più votato è Giancarlo Cancelleri, che potrà scegliere tra i seggi di Caltanissetta e Palermo; seconda, con 4095 voti, Claudia La Rocca, terzo Salvatore Siragusa (3275), quarto Giorgio Ciaccio (3015)Per la lista Crocetta la spunta il sindaco di Casteldaccia Giovanni Di Giacinto con 3148 votiPer la lista Nello Musumeci presidente premiato Salvatore Lo Giudice con 8575 preferenze. Per il partito dei Siciliani entrano all’Ars Enzo Figuccia, figlio del consigliere comunale Angelo Figuccia con 7433 voti e Giovanni Greco con 4390; resta fuori Tony Rizzotto con 3921 votiTre seggi anche per il Pd che elegge il segretario regionale Giuseppe Lupo (8715 voti)il capogruppo all’Ars Antonello Cracolici (8429) e il candidato indipendente già vincitore delle primarie di marzo Fabrizio Ferrandelli (7906). Due deputati all’Udc con Nino Dina che ottiene 10.229 voti bissando di fatto il secondo eletto, Totò Lentini (5304). Resta fuori Tommaso Gargano superato per meno di 100 voti. 

A Ragusa scattano cinque seggi. Per il Pdl viene eletto Giorgio Assenza con 4494 preferenze, per il Movimento Cinque Stelle Vanessa Ferreri, 3407 voti, lista Crocetta, l’ex sindaco di Ragusa Nello Di Pasquale  con 7754 voti; per il Pd Giuseppe Di Giacomo, ex sindaco di Comiso, deputato uscente con 4698 preferenze, per l’Udc Orazio Ragusa (4412 voti).

A Siracusa scattano sei seggi. Per il Pdl viene eletto Enzo Vinciullo con 7780 voti, per il movimento Cinque Stelle, Stefano Zito con 6347 voti, per la Lista Crocetta, Giambattista Coltraro (4124), per l’Mpa Giuseppe Gennuso con 8753 voti di preferenza, per il Pd Bruno Marziano ex presidente della Provincia (5657), l’Udc all’Ars Pippo Sorbello (7361).

A Trapani scattano sette seggi. Per il Pdl Mimmo Fazio, ex presidente della Provincia, con 6283 voti, due seggi al movimento Cinque Stelle che porta all’Ars Valentina Palmeri (6852 voti), distanziata di misura da Sergio Troisi con 2901 voti; per la lista Musumeci riesce a farcela con 6639 voti Paolo Ruggirello, per il Partito dei Siciliani Giovanni Lo Sciuto, ex assessore regionale (6119 voti), per il Pd Baldo Gucciardo (7982), e l’Udc Mimmo Turano con 6106 voti.

About Author

Redazione

Redazione

Related Articles