Reteiblea

Le ferrovie assurde. Il richiamo del CUB

Le ferrovie assurde. Il richiamo del CUB
Ottobre 09
12:11 2012
Treno-MerciVa sempre peggio! Ci lamentiamo del problema dei pendolari e si cercano soluzioni ed invece ci accorgiamo che tutto viene fatto nel senso della chiusura della ferrovia. Ad esempio la RFI, Rete Ferroviaria Italiana, sta ora attuando una serie di provvedimenti presso le stazioni di Genisi e Vittoria, tendenti a  ricavare presunti risparmi. Si tratta della soppressione di alcuni deviatoi (gli scambi che permettono il passaggio da un binario all’altro), con conseguente eliminaziuone del secondo binario a Genisi e del terzo binario a Vittoria.
Particolarmente grave l’intervento a Genisi; rimanendo con il solo binario di corsa, la stazione praticamente scompare; questo comporterà che gli incroci tra i treni che percorrono la linea in senso opposto, potranno svolgersi a Ragusa e a Donnafugata; in parole povere, in caso di ritardo di uno dei due treni, l’altro dovrà attendere anche fino a mezzora il suo arrivo, prima di poter partire, essendo la nostra una linea a semplice binario.
La situazione viene aggravato dalla circolazione del treno merci Gela-Catania e viceversa, che spesso incrocia vari treni passeggeri, costringendoli a lunghe soste di attesa, che adesso potranno solo aumentare.
Il provvedimento, inoltre, allungando il chilometraggio per gli incroci dei treni, in vista del potenziamento dei convogli per i pendolari rischia di determinare un peggioramento reale del trasporto ferroviario, .
La CUB Trasporti ritiene che siano del tutto pretestuose le motivazioni delle economie sulla manutenzione dei deviatoi; costerà molto di più l’operazione di smantellamento degli stessi e dei binari, oltre al grande salto indietro che la circolazione subirà.  Secondo il CUB dei ferrovieri occore, mentre siamo in tempo,richiamare RFI a non smantellare i binari di Genisi e Vittoria, in vista di un miglioramento complessivo del servizio non solo auspicato, ma sempre più necessario, come la vicenda degli studenti pendolari e la crisi del trasporto pubblico su gomma sta dimostrando.

About Author

Redazione

Redazione

Related Articles