Reteiblea

La settimana santa a Ragusa

Aprile 13
07:002012

LAddolorata-dinanzi-al-DuomoLa fede e il dolore. Nelle giornate della Passione del Signore. Giornate dedicate al silenzio e alla devozione. In attesa della festa della Resurrezione. Questi elementi hanno contrassegnato ieri sera il maestoso incedere, all’uscita del Duomo di San Giorgio, sino a raggiungere la piazza antistante, della solenne processione del Venerdì santo animata da centinaia di fedeli. I simulacri del Cristo morto e dell’Addolorata hanno fatto rivivere, ieri sera, uno dei riti religiosi più antichi della città di Ragusa. Tra due ali di devoti, ciascuno con in mano i ceri votivi, accompagnati dal suono immerso nella mestizia della banda musicale “San Giorgio”, il Cristo morto e l’Addolorata, l’uno dinanzi all’altra, hanno proceduto lungo via Arezzo sino a raggiungere, attraversando via XI febbraio, piazza della Repubblica e quindi la chiesa delle Anime sante del Purgatorio. Poi la solenne processione, passando per via del Mercato e via Orfanotrofio, si è spostata sino a raggiungere piazza Odierna, facendo ritorno, attraverso corso XXV aprile e piazza Pola, in piazza Duomo. Il gran numero di fedeli, in notevole crescita rispetto agli scorsi anni, ha reso ancora più significativo un rito religioso che a Ibla viene celebrato da secoli e che ha fatto rivivere il dolore della Madonna legato alla crocifissione e allamorte di Gesù Cristo. La Settimana Santa a Ragusa Ibla ha dunque vissuto un’altra delle fasi più suggestive e cariche di fascino e tradizione di questi ultimi giorni, mettendo in evidenza i momenti di alta spiritualità che hanno caratterizzato questa come le altre processioni tenutesi in occasione delle “Quarantore di adorazione”, animate dalle confraternite del quartiere barocco. Le cerimonie pasquali, intanto, proseguono anche oggi, 7 aprile, Sabato santo, con la celebrazione dell’Ora della madre, alle 18, presso la chiesa madre di San Giorgio. Alle 22, al Duomo di San Giorgio e alla chiesa di San Tommaso, la veglia pasquale e, a seguire, la santa messa. Domani, giorno di Pasqua, le messe saranno celebrate al Duomo, alle 11 e alle 12, e a San Tommaso, alle 12 e alle 18. La santa messa solenne, infine, è prevista al Duomo di San Giorgio alle 19.

About Author

Redazione

Redazione

Related Articles